Coronavirus: voltiamo le spalle ai medici. Forse gli eroi morti sono più eroi

(Tempo di lettura 2 minuti) “Servono mascherine e DPI (Dispositivi di Prevenzione Individuale) gratis per tutta la popolazione”;  Farmaci anti-coronavirus nascosti al popolo; AIFA e case farmaceutiche pensano ai miliardi; aglio, acqua e limone contro il virus;  In realtà è lunghissimo l’elenco dell’infinita serie di supposizioni, pareri, consigli e accuse sul Coronavirus. Ogni volta che

Coronavirus e Legge: confusione per troppe bufale e fake news

++ Troppa confusione da Bufale ++ Tutte le notizie che riguardano: – Limitazione dei diritti (spostamenti, etc); – misure di COLLETTIVITA’ (lavoratori, negozi e attività, etc); – misure sanitarie; – tutte le misure di pubblica sicurezza ( modalità di azione delle forze dell’ordine) ++ SONO VERE solo se CONFERMATE SU:    – sito internet del

12 marzo – Coronavirus: altre misure di legge

++ COSA è CAMBIATO dal 10 marzo 2020? ++ – POSSO USCIRE di CASA ? – posso portare il cane fuori? – posso ordinare la pizza a casa? – posso andare a fare la spesa? – posso andare a comprare il giornale? – mi arrestano senza autorizzazione? – posso andare ad assistere un genitore/nonno anziano?

11 marzo – Coronavirus: Farmaco sperimentale a Napoli

Aggiornato il 12 marzo 2020 ++ DOVEROSA PREMESSA ++ Una cura contro il Coronavirus Covid-19 non c’è (per ora). Nel mondo sono già in elaborazione diversi vaccini sperimentali: in Cina, USA, Regno Unito. Le comunità scientifiche e della ricerca di tutto il mondo stanno cooperando per fare fronte unico in questa battaglia contro il coronavirus

Coronavirus: nuovo decreto legge. Cosa possiamo o non possiamo fare?

Il testo qui di seguito è frutto di quanto stato disposto dalle autorità, con testi FEDELMENTE ESTRATTI dai canali ufficiali delle stesse autorità. (Testo costantemente AGGIORNATO sulle possibili variazioni di legge a partire dal 12 marzo 2020 in poi). ++ IMPORTANTE ++Le nuove misure di legge riguardano TUTTO il TERRITORIO NAZIONALE italiano, senza più distinzioni tra

Mortalità Coronavirus 3,4%? Disinformazione almeno 70%

L’ennesimo giro di giostra mediatico sul Coronavirus è iniziato martedì 3 marzo 2020, a seguito della conferenza stampa giornaliera rilasciata dalla OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). Al minuto 6:55, il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus (attuale direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della sanità) dice esattamente:<<Globally, about 3.4% of reported COVID-19 cases have died. By comparison, seasonal Flu

Coronavirus: “contagi, un fallimento tutto italiano”. VERO o FALSO?

“Vergogna, siamo gli unici contagiati d’Europa”.Più o meno si possono riassumere così tanti commenti che da giorni rimbalzano sui social, anche a firma di amministratori e consiglieri comunali.  Italia unica nazione contagiata d’Europa? FALSO Questo è il link alla Mappa Virtuale Dinamica (cioè in continuo aggiornamento istantaneo) gestita dal World Health Organisation (cioè l’OMS –

Coronavirus. Notizie di nuovi contagi: cosa fare?

Ormai sentiremo e leggeremo di continuo notizie riguardo nuovi contagi. Cosa fare, specie quando riguardano territori limitrofi, provinciali o regionali rispetto alla nostra residenza? COME avere CONFERME? Per prima cosa, consultare il sito della Protezione Civile che, ogni giorno almeno due volte al giorno, rilascia bollettini di aggiornamento a questo indirizzo:http://www.protezionecivile.gov.it/media-comunicazione/comunicati-stampa Ogni comunicato riporta la data

Diverse posizioni degli esperti sul web: CHI ha RAGIONE?

In questi giorni abbiamo assistito ad insoliti dibattiti a colpi di post tra virologi, epidemiologi e infettivologi, insomma esperti del settore. Questo ha creato confusione, e tanti stanno puntando il dito contro gli uni o gli altri, accusandoli di creare sfiducia così facendo. Chi ha ragione quindi? L’organo massimo di divulgazione tecnico-scientifica in ambito sanitario,

Coronavirus: Come si trasmette e Prevenzione

Il nuovo Coronavirus è un virus respiratorio che si diffonde principalmente attraverso il contatto stretto con una persona malata. La via primaria sono le  goccioline del respiro delle persone infette ad esempio tramite:– la saliva, tossendo e starnutendo;– contatti diretti personali;– le mani, ad esempio toccando con le mani contaminate (non ancora lavate) bocca, naso